seiyaku
< Precedente
Index
Seguente >

Il pescatore e sua moglie

KHM 019

C'era una volta un pescatore e sua moglie; abitavano in un lurido tugurio presso il mare, e il pescatore andava tutti i giorni a pescare con la lenza, e così fece per molto tempo. Una volta se ne stava seduto vicino alla lenza a guardare nell'acqua liscia come l'olio. Se ne stava così quando la lenza andò a fondo, giù giù, e quand'egli la sollevò c'era attaccato un grosso rombo. E il rombo gli disse: "Ti prego, lasciami vivere; io non sono un vero rombo, sono un principe stregato. Rimettimi in acqua e lasciami andare!" - "Eh" disse l'uomo "non hai bisogno di fare tanti discorsi: un rombo che parla, l'avrei certo lasciato libero." Lo rimise in acqua e il rombo si tuffò e lasciò dietro di s, una lunga striscia di sangue. L'uomo andò da sua moglie, nella lurida catapecchia, e le raccontò che aveva preso un rombo. Questi diceva di essere un principe stregato; poi lo aveva lasciato andare. "E non gli hai chiesto niente?" disse la donna. "No" disse l'uomo "cosa dovrei chiedere?" - "Ah" disse la donna "è pur brutto abitare sempre in questo buco! Puzza ed è così sporco! Vai e domandagli una piccola capanna." L'uomo non voleva, tuttavia andò sulla riva del mare e, quando giunse, il mare era tutto verde e giallo. Egli andò fino all'acqua, si fermò e disse:"Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" Allora il rombo giunse nuotando e disse: "Be', che vuole dunque?" - "Ah" disse l'uomo "io ti avevo pur preso; ora mia moglie mi ha detto che avrei dovuto chiederti qualcosa. Non vuole più abitare in un buco, vorrebbe una capanna." - "Va' a casa" disse il rombo "ce l'ha già." Allora l'uomo andò a casa e sua moglie era sulla porta di una capanna e gli disse: "Vieni dentro, guarda, adesso è molto meglio." E dentro alla capanna c'era una stanza, una camera da letto e una cucina. E dietro c'era anche un giardinetto con verdura e alberi da frutta e un cortile con polli e anitre. "Ah" disse l'uomo "ora vivremo felici." - "Sì" disse la donna "ci proveremo." Dopo un paio di settimane, la donna disse: "Marito mio, la capanna è troppo stretta e il cortile e il giardino sono così piccoli! Vorrei abitare in un gran castello di pietra; va' dal rombo, che ce lo regali." - "Ah, moglie" disse l'uomo "il rombo ci ha già dato la capanna: non posso tornare, se ne potrebbe avere a male." - "macché," disse la donna "può benissimo farlo e lo farà volentieri!" Allora l'uomo andò con il cuore grosso, ma quando giunse al mare, l'acqua era tutta violetta azzurro cupa e grigia; però era ancora calma. Egli si fermò e disse: "Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" - "Be', cosa vuole?" disse il rombo. "Ah" disse l'uomo tutto turbato "mia moglie vuole abitare in un castello di pietra." - "Va', è già davanti alla porta" disse il rombo. Allora l'uomo andò a casa e sua moglie stava davanti a un gran palazzo. "Guarda, marito mio" ella disse "com'è bello!" Entrarono insieme e dentro c'erano tanti servi, le pareti risplendevano è nelle stanze c'erano sedie e tavole tutte d'oro. E dietro il castello c'erano un giardino e un parco che si estendeva per un mezzo miglio, dov'erano cervi, caprioli e lepri; e un cortile con stalla e scuderia. "Ah" disse l'uomo "in questo bel castello si può essere contenti!" - "Vedremo" disse la donna "intanto dormiamoci su." E andarono a letto. Il mattino dopo la donna si svegliò allo spuntar del giorno, diede una gomitata nel fianco dell'uomo e disse: "Alzati, marito, potremmo diventare re di tutto il paese." - "Ah, moglie" disse l'uomo "perché, mai dovremmo diventare re; io non voglio!" - "Bene, allora voglio esserlo io." - "Ah, moglie" disse l'u omo "perché, vuoi essere re? Al rombo non piacerà."

"Marito" disse la donna "vacci difilato, io devo essere re." Allora l'uomo andò ed era tutto turbato che sua moglie volesse diventare re. E quando arrivò al mare, il mare era tutto plumbeo e nero e l'acqua ribolliva dal profondo. Egli si fermò e disse: "Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" - "Be', che cosa vuole?" disse il rombo. "Ah" disse l'uomo "mia moglie vuole diventare re." - "Va' pure, che lo è già" disse il rombo. Allora l'uomo tornò a casa e quando arrivò al palazzo c'erano tanti soldati, trombe e timpani. Sua moglie sedeva su di un alto trono d'oro e diamanti e aveva una grande corona d'oro in testa; e al suo fianco stavano in fila sei damigelle, dalla più alta alla più piccola, così da formare una scala. "Ah" disse l'uomo "adesso sei re?" - "Sì" rispose la donna "adesso sono re." Dopo averla guardata per un po', egli disse: "Ah, moglie, che bellezza che tu sia re! non c'è più niente da desiderare." - "No, marito" disse la donna "mi viene in uggia, non posso più resistere: sono re, ora voglio diventare imperatore!" - "Ah, moglie" disse l'uomo "perché, vuoi diventare imperatore?" - "Marito" diss'ella "va' dal rombo: voglio essere imperatore." - "Ah moglie" disse l'uomo "egli non può fare imperatori, non posso dir questo al rombo." - "Io sono re" disse la donna "e tu sei mio marito, vacci subito!" Allora l'uomo andò e mentre camminava pensava: "Non va, non va, imperatore è troppo sfacciato; alla fine il rombo si stancherà." Così arrivò al mare, l'acqua era tutta nera e gonfia e ci soffiava sopra un gran vento che la sconvolgeva. L'uomo si fermò e disse: "Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" - "Be', che vuole?" disse il rombo. "Ah" disse egli "mia moglie vuole diventare imperatore." - "Va' pure" disse il rombo "lo è già." L'uomo se ne andò e, quando arrivò a casa, sua moglie sedeva su di un trono altissimo fatto di un solo pezzo d'oro, e aveva in testa una gran corona alta tre braccia; al suo fianco stavano gli alabardieri, l'uno più piccolo dell'altro, dall'enorme gigante al piccolissimo nano, grosso come il mio mignolo. E davanti a lei c'erano tanti principi e conti. L'uomo passò in mezzo a loro e disse: "Moglie, sei imperatore adesso?" - "Sì" diss'ella "sono imperatore." - "Ah" disse l'uomo contemplandola "che bellezza che tu sia imperatore!" - "Marito" disse la donna "non incantarti! Ora sono imperatore, ma voglio anche diventare papa." - "Ah, moglie" disse l'uomo "perché, vuoi diventare papa? Di papa ce n'è uno solo nella cristianità." - "Marito" diss'ella "voglio diventare papa oggi stesso." - "No, moglie" disse l'uomo "il rombo non può far papi, questo non va." - "Chiacchiere, se può fare imperatori può fare anche papi. Vacci subito!" Allora l'uomo andò, ma era tutto fiacco, le gambe e le ginocchia gli vacillavano, e soffiava un gran vento e l'acqua sembrava che bollisse. Le navi, in pericolo, invocavano soccorso, danzavano e saltavano sulle onde. Tuttavia il cielo era ancora un po' azzurro al centro, ma ai lati saliva un color rosso, come durante un gran temporale. Allora egli si fermò, sconfortato, e disse: "Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" - "Be', cosa vuole?" disse il rombo. "Ah" disse l'uomo "mia moglie vuole diventare papa." - "Va' pure" disse il rombo "lo è già." Egli se ne andò e quando arrivò a casa sua moglie sedeva su di un trono alto tre miglia e aveva tre grandi corone in testa, intorno a lei c'erano tanti preti, e ai suoi lati c'erano due file di lumi, dal più alto, spesso e grosso come un'enorme torre, fino alla più piccola candela da cucina. "Moglie" disse l'uomo guardandola "sei papa adesso?" - "Sì" diss'ella "sono papa." - "Ah moglie" disse l'uomo "che bella cosa che tu sia papa! Moglie, ora sarai contenta: sei papa, non puoi diventare niente di più." - "Ci penserò" disse la donna. E andarono a letto, ma ella non era contenta e la cupidigia non la lasciava dormire: pensava sempre che cosa potesse ancora diventare. Quand'ella vide dalla finestra il sole che sorgeva, pensò: "Ah, non potrei forse far sorgere anche il sole?" Piena di rabbia, diede una gomitata al marito e disse: "Marito, vai dal rombo, voglio diventare come il buon Dio!"

L'uomo era ancora addormentato, ma si spaventò tanto che cadde dal letto. "Ah, moglie" diss'egli "rientra in te e contentati di essere papa." - "No" gridò la moglie e si strappò la camiciola di dosso "non sono tranquilla e non posso resistere quando vedo sorgere il sole e la luna e non posso farli sorgere io stessa. Voglio diventare come il buon Dio." - "Ah, moglie, il rombo questo non lo può fare. Può fare imperatori e papi, ma questo non lo può fare!" - "Marito" diss'ella, e gli rivolse uno sguardo terribile "voglio diventare come il buon Dio, va' subito dal rombo." Allora l'uomo andò pieno di paura; fuori infuriava la tempesta che sconvolgeva i campi e sradicava gli alberi, il cielo era tutto nero, lampeggiava e tuonava; il mare si gonfiava in onde nere, alte come montagne e tutte avevano una bianca corona di spuma. Egli gridò: "Piccolo rombo, ticchete tacchete, stammi a sentire, zicchete zacchete, mia moglie parlar troppo suole, e ciò ch'io voglio lei non vuole!" - "Be', cosa vuole?" disse il rombo. "Ah" rispose l'uomo "vuole diventare come il buon Dio." - "Va' pure, che è tornata nel suo lurido tugurio." E ci stanno ancora.

— FINE —

sections

search 🔍

contact

about
 home

privacy policy

email

© seiyaku.com